Gianni Riotta con 47/35 Parallelo Italia può scombussolare i piani di Rai Due

Ballarò e Massimo Giannini vanno in vacanza dopo una stagione in cui hanno vinto la classifica degli ascolti, per quanto riguarda i talk show di approfondimento politico, non raggiungendo però risultati soddisfacenti, facendo anzi, molto peggio, quasi la metà dello share medio, rispetto al precedente anno, quando al timone c’era Giovanni Floris.

Da martedì 14 luglio lo spazio serale di Rai Due sarà di Gianni Riotta, noto giornalista, editorialista de La Stampa e scrittore, profondo conoscitore di politica estera, soprattutto americana ed esperto di economia, e del suo 47/35 parallelo italia.

Le tematiche non saranno le stesse di Ballarò. Riotta non si occuperà solo di politica, ma tratterà le contraddizioni del nostro Paese diviso in due, con un Nord ed un Sud che vanno a velocità diverse, pur rappresentando due facce di una stessa medaglia.

Il progetto appare interessante, già a partire dal nome della trasmissione. I paralleli 47 e 35 sono quelli tra i quali è compresa l’Italia. Un modo, cioè per indicare l’unicità del nostro Paese, che è oggi più geografica che sostanziale, con diversità di culture, tradizioni, modi di governare. Anche gli stessi partiti, a Nord e Sud, sembrano due realtà completamente diverse.

Periodi diversi e realtà diverse, ma Gianni Riotta potrebbe scombussolare i piani di Viale Mazzini se dovesse riuscire a raggiungere, o a mantenersi di poco sotto, gli ascolti di Ballarò.